Ultima tappa...La Piola

Recensione di del 01/11/2016

La Piola

37 € Prezzo
9 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 37 €

Recensione

Siamo giunti al termine della nostra mini vacanza nelle Langhe. L’ultima giornata la dedichiamo alla Fiera Internazionale del Tartufo Bianco ad Alba. La città è invasa dai turisti che affollano le vie del centro storico tappezzato con centinaia di stand che propongono le infinite prelibatezze del territorio. Primo in assoluto, il tartufo.

Per pranzo abbiamo prenotato (e meno male) al ristorante “La Piola” situato in piazza Risorgimento. Ristorante di proprietà della famiglia Ceretto, diciamo una versione “low cost” del pluristellato “Piazza Duomo” dello chef Crippa. Posizione centralissima.

Alla mezza troviamo circa una trentina di persone che aspettano di entrare. Noi, come già detto, abbiamo prenotato.

All’esterno un gradevole dehor protetto da grandi vetrate con vista sulla piazza e sul duomo. All’interno uno stile informale e giovanile gestito da personale (numeroso) ed altrettanto giovane, ma non per questo meno attento e professionale. Una buona impressione. Il nostro tavolo è in fondo all’ultima sala, proprio sotto l’immensa lavagna dove è presente l’intero menù.

Per cominciare una caraffa di acqua naturale, un ottimo cestino del pane e grissini artigianali e due calici di vino, un Nebbiolo di Davide Pellizzari. Ottimo.

Per la pargola un piatto di Agnolotti del plin al sugo d’arrosto, perfetta la cottura, abbondanti e molto saporiti.

Per mia moglie un Uovo in cocotte con fonduta. Molto buono.

Per me, invece, il loro Tris di antipasti composto da: insalata russa, vitello tonnato e carne cruda. Piatto molto convincente che permette di spaziare tra i loro antipasti.

La bimba col suo carico di agnolotti è a posto, ma noi proseguiamo con altri due piatti. Io decido per il Brasato di manzo al barolo con polenta macinata a pietra. Che altro dire? E’ già tutto raccontato nel nome del piatto, posso solo aggiungere che la carne è morbidissima ed è presentata su di una base di polenta dalla consistenza perfetta.

Mia moglie non può non chiudere la vacanza senza assaggiare ancora il tartufo bianco. Sceglie il Flan di zucca con indivia e fonduta. Il piatto è accompagnato dall’immancabile accoppiata grattugia e tartufo bianco. Una bella grattata e via. Perfetto.

Chiudiamo il nostro pranzo con due dolci, una Torta di nocciole con quenelle di gelato alla nocciola ed un Gianduiotto con salsa di lamponi e trito di nocciole. Chiusura col botto, dolci buonissimi, ma gianduiotto anche di più.

Ancora due caffè, con a fianco un tartufino bianco, e poi il conto. La spesa complessiva è pari a 110 euro, con questo dettaglio: due coperti (la bimba no) 4 euro; l’acqua naturale 1 euro; i due Nebbiolo 10 euro (ottimo rapporto Q/P); gli agnolotti 14 euro; la cocotte 9 euro; il tris 13 euro; il brasato 16 euro; il flan 13 euro con grattata di tartufo (3 grammi scarsi) 12 euro; i due dolci 14 euro e due caffè 4 euro.

Dopo questi giorni nelle Langhe, in giro per locali, ho cominciato a farmi un’idea, più o meno precisa, sulla ristorazione in questa zona e devo dire che oggi mi è sembrato un ottimo compromesso tra qualità, servizio e location. Materie prime di notevole livello, abilmente cucinate, in una location moderna ed accogliente. Un saluto da Jerry a tutti i Mangioni!

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.