Finale di giornata alla grande, dopo il pranzo uff...

Recensione di del 23/05/2010

La Parolina

64 € Prezzo
9 Cucina
7 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 64 €

Recensione

Finale di giornata alla grande, dopo il pranzo ufficiale de “Il Mangione”,
in questo piccolo paesino in provincia di Viterbo.
Il ristorante “La Parolina” si trova a Trevinano, frazione di Acquapendente, in un piccolo e grazioso edificio in una zona, felice dal punto di vista gastronomico, di confine tra Lazio, Umbria e Toscana.

Arrivato in condizioni poco adatte ad un elegante ristorante membro dei JRE, sono stato molto gentilmente fatto accomodare nel guardaroba dove ho potuto togliermi i soliti pesanti abiti da moto e dove ho cercato di sistemarmi un po’ per assumere un aspetto appena accettabile.

Mi sono quindi seduto ad un bel tavolo, elegantemente apparecchiato ed ho ricontrollato il menu che avevo già consultato sul sito internet del ristorante.
La mia scelta è caduta sulla degustazione di pesce.
Mentre sceglievo è arrivato un primo saluto dalla cucina consistente in una “piccola mousse di melone sopra ad un gelato al limone”.

Piacevole inizio, fresco e graditissimo dopo circa tre ore di piacevole guida su strade affascinanti e divertenti.
L’antipasto del menu degustazione prevedeva: “Noci di Capasanta ripiene di Salmone Irlandese all’Aneto. Topinambur”.
Tutti gli ingredienti buoni, assaggiati singolarmente; con però una quasi eccessiva prevalenza del salmone all’aneto. Comunque sia un gradevole inizio.

“Tagliolini con Mazzancolle del Tirreno, guazzetto di amatriciana e polvere di capperi” è stato il piatto che mi ha entusiasmato di più.
Forse l’idea dell’amatriciana abbinata al pesce; forse le ottime mazzancolle. Sta di fatto che l’ho gradito molto.

Come secondo è arrivato in tavola lo “Spiedo di rombo con umido di lumachine di mare”.
Buono! Con dei tranci di rombo di notevole spessore e gusto. Penso ricavate da un esemplare di taglia decisamente superiore alla norma.
Delicate e apprezzate anche le lumachine di mare; che pure non rientrano tra i miei molluschi preferiti.

Reduce da sette/otto assaggi di ottimi vini, ho preferito berne uno solo.
Ed ho scelto il “Le Cupole” tenuta di Trinoro. Buono; peccato che, non so per qual motivo, ero convinto che fosse un bianco. Mentre il sommelier lo versava, non ho avuto il coraggio di chiedere di cambiarlo ed ho deciso di fare come alcuni amici caorlotti che devono apposta il rosso con il pesce.

Preceduta da due piccoli pre-dessert “Spuma di tiramisù” e “Creme brulè di zuppa inglese con liquirizia”, è quindi arrivato il dessert vero e proprio:
“ Semifreddo al lime con zuppetta di fragole e frutti rossi “.
Notevole e ottimo finale di questa piacevolissima cena.
Per quanto riguarda i due pre-dessert (e anche per il saluto dalla cucina iniziale),devo ammettere che ho preso dei velocissimi appunti e, a distanza di più di una settimana, potrei non essere precisissimo nella descrizione della loro composizione.
Per fortuna il sito internet della Parolina mi ha permesso di essere, invece, preciso per quanto riguarda i piatti del menu degustazione.

Il conto finale di 64 euro lo ritengo più che adeguato al tipo di locale; all’efficiente e gentile servizio; alla ricerca gastronomica e, soprattutto, alla mia personale soddisfazione.

P.S. Tutti i voti si potrebbero aumentare di un mezzo e sto già concretamente organizzando una nuova gita, a breve termine, in queste zone.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.