Data recensione
19/06/2018
Cucina
9
Ambiente
7
Servizio
7

Pesce da ricordare

Le Api Osteria recensito da

Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 48 €
Recensione
  • Condividi su

Letta la recensione positiva sul “Mangione” mi segno il Ristorante per la prima occasione di lavoro in cui sono in zona Ovest. Prenotazione Internet, posteggio a pagamento poco lontano ( prezzi ovviamente da Milano ) e ci arriviamo in un attimo. Guardiamo bene sino a che non vediamo l’insegna prima di entrare, il dehors esterno è abbastanza anonimo con il menù pranzo scritto su una lavagnetta. Entriamo e l’arredo ricorda quello dei bar per studenti, tavolini neri, panca lungo la parete, sedie rotonde con la seduta traforata, tovagliette di carta ma tovagioli fortunatamente di tessuto.

Menù di mezzogiorno ignorato, prendiamo quello alla carta che avevo controllato preventivamente su Internet e rispetto a cui ci sono poche variazioni. Che dire, lo slogan della cucina ricercata ma semplice è azzeccato, piatti molto interessanti, ingredienti italiani con combinazioni inedite, tanto pesce ma anche buone proposte di carne. Diciamo che quando l’imbarazzo della scelta è forte allora il ristorante promette bene.

Non pensiamo di poter bere una bottiglia intera e quindi non guardo la carta, anche se sarebbe stato interessante chiederla, decidendo di andare al bicchiere, ci sono tre bianchi proposti al calice.

Prendo un Timorasso Derthona Colli Tortonesi 2014 di Luigi Boveri, vino piacevole ma che non esalta, in bocca sentori di pera che vengono disturbati da una acidità lievemente eccessiva, gradito ma non troppo tanti che si decide di cambiarlo per il secondo bicchiere.

Partiamo con un primo antipasto, un Polpo con Gazpacho fresco. Bella la presentazione, il polpo ben assemblato ed il Gazpacho servito in bottiglia di vetro separata per poi venire versato al momento. Polpo molto morbido, materia prima di qualità, interessante come il gazpacho lo esalti con un pizzico di acidità e di sapore e soprattutto di freschezza.

Per me invece Triglie marinate e scottate, crema di patate, malanzane al vapore e salsa boulabaisse, anche qui la mano Giapponese si vede nella presentazione, le triglie presentano il lato croccante in alto dove dei ciuffi di prezzemolo e cucunci creano un effetto bonsai. Perfeto il contrasto fra la pelle croccante e la carne morbida, la salsa boulabasse con la crema di patate amplificano una morbidezza ed una eleganza già alti. Perfettamente soddisfatto, direi.

Come detto il primo vino non ci a soddisfatto pienamente e si cambia, prendiamo una Ribolla Gialla 2014 Vigna Runc de Il Carpino e ci va meglio. Buon prodotto, tanti fiori al naso, pera matura in bocca con una discreta mineralità,

Si passa al primo, Risotto con astice, seppia, bisque ed arancia. Bello da vedersi, il rosso predomina, l’arancia è micronizzata e ricopre il piatto insieme ad un bisque denso e scuro. Il risotto è perfettamente al dente, cremoso e ben mantecato, l’astice morbido, indovinate combinazioni, assonanze e contrasti con il bisque e la polvere d’arancio.

Due caffè e conto finale da 48 euro a testa, diciamo normale nella scena milanese, ha pesato tanto, forse troppo il vino ( 24 euro per 4 bicchieri di livello base ). Giudizion finale estremamente positivo sulla cucina, mi ha conquistato nelle interpretazioni di materie prime di qualità fatte con perfette scelte dei sapori. Migliorabile la location, migliorabile la proposta di vini al calice, ma ci si passa sopra e si vede di tornare asap.

Foto della recensione


Mappa

Le Api Osteria

Via Carlo Foldi, 1

20135 Milano (MI)