Data recensione
09/11/2018
Cucina
9
Ambiente
9
Servizio
8

La miglior carne di Milano

La Griglia di Varrone recensito da

Rapporto qualità/prezzo: Scarso
Prezzo per persona bevande incluse: 90 €
Recensione
  • Condividi su

L'estrema qualità della materia prima, un ambiente elegante e allo stesso tempo accogliente ed informale, una buona carta di vini e la simpatia di Tony (oltre alla bravura e simpatia della cameriera che ci seguirà) fanno della griglia di Varrone un'esperienza da fare almeno una volta al mese.

Il voler provare tutto - non è la prima volta per me, ma la prima per gli altri due commensali - ci spinge a scegliere ognuno un piatto, che poi verrà rigorosamente diviso.

Ed ecco che quindi ci sbizzarriamo con le ordinazioni:

io scelgo il pastrami, tipica pietanza ebrea/rumena esportata negli USA e che è poi diventata un must dello street food newyorkese. Manzo affumicato servito in fettine sottili con senape.... sensazionale.

Un altro antipasto consiste in un assaggio di tartare: con fois gras e confit di cipolle, bardana, burrata e pesto di basilico, perlage di tartufo nero e sashimi di vitella. Questo, nonostante sia un buon piatto, sarà in definitiva il meno attraente. Gusto che non stupisce e non esalta, nonostante sia comunque buono. Forse la divisione in tre non consente un assaggio completo.

Il terzo antipasto è il carpaccio di Vacca Galiziana frollata 40 gg+. Strepitoso. Il gusto particolare non trovato nella tartare precedente lo trovo in questo piatto eccezionale e questa materia prima ricca di sapore e unicità.

Annaffiamo il tutto da un'ottima Barbera di Cascina Fontana consigliata dal "baffo" Tony, patron del locale. Prezzo contenuto per questa buona barbera (25€). Il buon Tony ci inserisce tra gli antipasti anche un Chorizo da assaggiare che effettivamente sarà decisamente sfizioso e molto buono.

Arriviamo alle portate principale che il vino è finito e quindi decidiamo di passare ad una bottiglia di eccezione: un Montepulciano d'Abruzzo di Emidio Pepe (60€). Gran boccia.

Le nostre portate principali saranno in quest'ordine:

Entranas - muscolo del diaframma. Pezzo sicuramente non pregiato, difficile da trovare dal macellaio. Cotto alla perfezione, saporito, gustoso, succulento.

Picanha - altro pezzo molto buono, saporito. Quasi troppo delicato per essere una Picana. Decisamente buono anche se mi sembra sia un po' meno rispetto ai 300gr. dichiarati nel menu.

Per ultimo il prodotto più pregiato, una Ribeye Australiana, prezzo oltre i 40€, 46 se non ricordo male. Decisamente carne di qualità superiore, ma che a mio avviso non vale la differenza di prezzo.

Purtroppo, due note dolenti devono essere segnalate, anche se non vanno ad intaccare il mio giudizio finale perché ritengo siano stati errori non voluti.

Il primo è stato che l'assaggio di Chorizo, deciso da Tony ci è stato poi addebitato e il Purè al tartufo, da me ordinato, non è stato mai portato e regolarmente addebitato... purtroppo non ce ne siamo accorti altrimenti lo avremmo segnalato.

Nonostante questo passaggio a vuoto un'esperienza decisamente fantastica, da ripetere presto.

Foto della recensione


Mappa

La Griglia di Varrone

Via Alessio di Tocqueville, 7

20154 Milano (MI)