Data recensione
09/02/2018
Cucina
8
Ambiente
8
Servizio
7

Buona cucina del Sud

Da Giulia recensito da

Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 57 €
Recensione
  • Condividi su

Pranzo a Milano, vogliamo stare leggeri e propendiamo per un ristorante di pesce, ne voglio provare uno novo e la scelta cade su “da Giulia”. Siamo in zona Procaccini/Sempione, grazie alle strisce blu riesco anche a trovare un parcheggio non molto lontano a due ero l’ora, suoniamo ed entriamo.

Ambiente classico anni 80/90, luminoso malgrado i toni scuri che dominano il pavimento, il soffitto e le pareti, tavoli molto ben spaziati. Ci sediamo su un tavolo con pachetta contro il muro, tovaglia in cotone jacard chiaro e coprimacchia identico.

Carta dei vini incentrata ovviamente sui bianchi, tanta sicilia e tanto Sud Italia, ricarichi nella media milanese. Ovviamente riesco a scegliere l’unico bianco in carta che è esaurito e vengo indirizzato su un altro che invece in carta non appare, mi fido e faccio bene. Non conoscevo il vino ma quando vedo la bottiglia riconosco la casa, Al-cantara, un produttore della zona dell’Etna molto valido, il vino è il Luci Luci, un Etna Bianco del 2014, vitigno Carricante. Vino molto interessante, al naso fiori a mille, una mineralità intensa che si percepisce anche con l’olfatto, sntori di mandorla che pervadono la bocca.

Menù di mare con qualche divagazione di terra, molto classico nelle scelte.

L’obiettivo sarebbe quello di rimanere leggeri ed il ristorante di pesce è stato scelto appositamente. Piccolo problema : le proposte del giorno. Viene presentato il Timballo con polpettine, come può un essere umano può un essere umano resistre al Timballo con le popettine ? Non si può! E quello prendiamo facendolo precedere da un antipasto della casa.

Pregevole il cestino del pane che ci viene portato, una cassetta di legno con paninetti di varie dimensioni, tarallucci, grissoni, tutti ugualmente gustosi. Come gustosa è la focaccetta intergrale con pomodori che viene servita come piccola entree.

Vediamo gli Antipasti misti della casa , si inizia con una Insalata di polpo con patate e sedano, polpo perfetto, patate un pò indietro di cottura, olio ottimo. Poi il di tris di affumicati, (tonno, pesce spada e salmone marinato tutti pregevoli. Poi gli involtini e la caponata di melanzane, buoni, teneri, per nulla pesanti. Veramente ben preparate le alici gratinate, saporite e mornide in bocca, il top sono però le ciliegine di Tonno in crosta di mais, delle piccole palline scure con esterno croccante eed un ripieno morbidissimo, veramente gustose, di quelle che non smetteresti mai di mangiare.

C’è poi il timballo, una esperienza da ricordare. Porzione abbondante, sono anelletti gratinati sopra e morbidi dentro, circondati da un mare di crema di formaggio e pomodoro ed in mezzo a cui spuntano dei piselli. Affondando la forchetta spuntano le polpettine in mezzo alla pasta. Piatto carico di sapore, rotondo, avvolgente, intenso molto di corpo, sono quei sapori di una volta che vale la pena di recuperare. Tutt’altro che leggero ma l’esperienza vale la visita!

Saremmo pieni ma non riusciamo a dire di no al Cannolo siciliano riempito al momento con ricotta fresca da Castelvetrano.

Il terzo commensale prende invece un buon Tiramisù, tutta la carta dei dolci è comunque degna di menzione e da sola varrebbe la visita al locale. Citiamo il Biancomangiare al latte di mandorla, i semifreddo al pistacchio in camicai di panna, il pasticciotto leccese.

Bilancio finale più che positivo, menù tradizionale con buone materie prime ed una sapiente mano per le preparazioni. Promosso. Ah, il conto ? Conto da Milano, 57 Euro a testa, 42 il cio e 15 il vino.

Foto della recensione


Mappa

Da Giulia

P.zza Antonio Gramsci, 3

20154 Milano (MI)