C'era una volta. Trattoria artigianale.


Genova (GE)

Data recensione
12/05/2018
Cucina
7
Ambiente
6
Servizio
6

Cucina casalinga

C'era una volta. Trattoria artigianale. recensito da

Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 33 €
Recensione
  • Condividi su

Stuzzicati dalla vittoria ottenuta da questo esercizio nel programma televisivo condotto da Alessandro Borghese, decidiamo di provarlo. Si trova a due passi da piazza de Ferrari, in un vicolo molto frequentato: all'interno di un palazzo, di cui si varca il portone, si sale al primo piano. Si entra in un appartamento ampio, in cui due stanze comunicanti sono state adibite a sala da pranzo, con tavoli ravvicinati, coperto spartano cartaceo e plastico, apparecchiatura e stoviglie colorate e rigorosamente disassortite (in ceramica, ma anche in arcopal).

Appunto come essere in casa 'della nonna'. Esposizione di bottiglie e di dolci. Pareti colorate e piene di varie cose. Evidentemente l'horror vacui ha il suo posto.

Non avendo prenotato ci viene messo a disposizione un tavolo condiviso con altre due coppie (sono circa le 13,30 di sabato). Benissimo. Ordiniamo l'acqua (al solito ormai, dell'acquedotto ma rivisitata e 'spumantizzata' (che però ci costerà 2 euro come il sedicente coperto).

Un cestino di pane semplice lo chiediamo dopo aver scelto dal menu un antipasto misto di torte salate e un tagliere rustico (salame di sant'Olcese, formaggio, cuculli, panissa), seguiti da uno stoccafisso in umido e una buridda di seppie. Dopo un po' di attesa arrivano gli antipasti in un vassoio per due: i cuculli (frittelle salate) sono purtroppo fritti male e la pastella si è riempita d'olio senza cuocersi a dovere, il resto è invece buono, ma le torte salate sono dei quadrettini minuscoli.

Dopo un'altra attesa (il servizio in sala è svolto sia da una delle proprietarie sia da un paio di camerieri con diverso grado di efficienza e professionalità) arrivano i secondi: abbondante e nell'insieme gustosa la buridda di seppie (in umido con patate, piselli), un po' troppo infestato dalle spine lo stoccafisso. Assente in entrambi il pomodoro (sarà che mia madre ce lo metteva sempre in questi piatti...) e latitante anche il sale.

Ci vengono proposti a voce dei dolci da un buffet: scegliamo un'ottima torta della nonna (pastafrolla, crema pasticcera, pinoli) e una eccellente crostata mele e cannella. Due caffè e un bicchiere di falanghina corredano il nostro pasto. Nell'insieme, in una città che da non molti anni ha scoperto una vocazione turistica, l'esperienza gastronomica è soddisfacente, ma niente di trascendentale. Come mangiare a casa, in una casa genovese di quarant'anni fa, ma non meglio. Il prezzo però non è casalingo: 65 euro in due.



Mappa

C'era una volta. Trattoria artigianale.

Vico della Casana, 1

16123 Genova (GE)