Data recensione
03/06/2018
Cucina
8
Ambiente
6
Servizio
7

Risotti e Cotolette in ambiente retrò

L'Osteria dei Peccatori recensito da

Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 25 €
Recensione
  • Condividi su

Siamo a pranzo a Gallarate, guardo cosa mi sono segnato da provare, controllo via Internet il menù per essere sicuro che possa andare bene a tutta la famiglia ristretta, vedo una specilaizzazioen cotolette e l’approvazione è immediata.

Nessun problema di parcheggio, bella vetrina che ti accoglie, interno..... interno molto retrò! Diciamo che è un tuffo nel passato anni 70/80, forse una rinfrescatina al look ed agli arredi servirebbe. Anch eil giardinetto su cui da la nostra sala godrebbe dei benefici di un intervento di restiling.

Detto questo ambiente luminoso, tavoli ben spaziati, tovaglie e tovaglioli in piacecole cotone grezzo.

Menù tradizionale lombardo ma senza legami regionali così forti, predominanza di carne, una pagina intera di cotolette che vengono preparate con varie declinazioni di topping.

Carta dei vini ben distribuita, apprezzabile la presenza di mezze bottiglie su cui mi dovrò orientare per mancanza di compagnia nel consumo. Il vino è un Mentore, Morellino di Scansano 2016 di Montellassi, piacevole senza stupire, al naso molto scarico con sentori di amarene e mandorle, in bocca tanti semi di cacao e tabacco con un top di frutta matura.

Son ol’unico che prende l’antipasto e non posso rinunciare alla Cervella fritta! Ciotola in terracotta con 9 palline leggermente panate, la porzione sembra scarsa ma stiamo parlando di cervella e quindi la quantità di calorie per centimetro cubo è tripla e più che saziante. Frittura leggera, per niente unta, palline lievemente croccanti fuori, morbidissime all’interno, quel gusto dolce salato che solo la cervella può avere. Una droga per me.

Il ragazzino sfoglia la lista delle cotolette e decide di osare, prende la “Sette peccati” con cipolla caramellata, bacon grigliato e salsa al Habanero. Chiediamo prudenzialmente di lasciare la salsa a parte ma per un errore viene servita spalamata sulla cotoletta, si offrono di cambiarci il piatto ma il ragazzo decide stoicamente di affrontarlo. Cotoletta morbida, panatura compatta, frittura leggera senza tracce di unto, si vede che è la loro specialità. Sarei anche un purista della cotoletta, però devo dire che cipolle e bacon ci stanno bene, si può essere assolutamente soddisfatti. La salsa non è comunque mortale, le labbra pungono ma si riesce ad arrivare alla fine quasi in scioltezza, solo alla moglie punge anche la gola dopo l’assaggio. Nota a latere, buone anche le patate arrosto d’accompagnamento.

Veniamo al primo che abbiamo preso sia io che la moglie, Riso carnaroli con fiori di zucca ed acciughe. Molta diffidenza all’inizio, confesso, strana commistione di sapori, rischio di acciuga prevaricante sulla carta. Piatto in ceramica, bello, riempito di riso cremosissimo con puntini arancio di zucca e scuri di aromi, all’occhio si presenta bene. Prova d’assaggio , cremosità confermata, tanto amido bel legata, chicco al dente al punto giusto. Sapori, sapori, sapori molto equlibrati, l’acciuga è sul fondo per esaltare il fiore di zucca, niente da dire un gran risotto!

Come si fa a rinunciare al dolce ? Parlo per me ovviamente, ma quando propongono una Crema dell’Oste con mandorle, Marsala ed amaretto come fai a dire di no? E faccio bene a dire di si, molto delicata, molto morbida, molto equilibrata.

Conto finale 25 Euro a, ben spesi direi, mangiato bene, servizio gentile, si passa sopra al look da rinfrescare.

Foto della recensione


Mappa

L'Osteria dei Peccatori

C.so C. Colombo, 39

21013 Gallarate (VA)