Data recensione
29/10/2010
Cucina
10
Ambiente
10
Servizio
10

Dopo averne letto più recensioni e anche guardato il sito, ...

Anteprima recensito da

Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 125 €
Recensione
  • Condividi su

Dopo averne letto più recensioni e anche guardato il sito, ho voluto provare questo ristorante assieme ad una mia amica speciale. Previa prenotazione siamo arrivati in questo stupedo locale con parcheggio privato. Abbiamo suonato il campanello e ci ha accolto il maître che gentilmente ci ha tolto i giacconi e ci ha fatto accomodare nel famoso tavolo nella cucina per poter cosi'assistere allo show cooking. Anche la sala era comunque molto elegante e ben apparecchiata.

Una volta seduti ci hanno portato un aperitivo, un calice di Prosecco Tallarini, omonima famiglia conosciuta in loco. Una ciotola con grissini al parmigiano saporiti e stuzzicanti, riso fritto selvaggio molto croccante e appetitoso.
Abbiamo scelto poi il famoso percorso creativo lasciandoci coccolare dallo chef Daniel che ci illustrava volta per volta i piatti da lui sapientemente preparati.

Come prima portata "Caraibi Julien Blu": platano al curry con saltarelli fritti al basilico, molto gustosi, simili ai gamberi di fiume come sapore.
Poi "cernia al cedro e coriandolo", molto delicata e le "animelle alla senape e spuma di miele" decisamente buone!
Il tutto accompagnato da un superbo cocktail composto da cocco, lime, gin, Cointreau e blue curacao aggiunto poi da una provetta, una insalata di frutta con mango-macis, anguria-fragola, melone-cumino, ananas-cardamomo. Abbinamenti insoliti ma azzeccatissimi.

Poi il continuo delle portate: le "sfere di melone" con all'interno un cubetto di prosciutto crudo, il piatto "Alaska": omaggio al salmone con tutte le sue parti, richiamo al mare freddo dell'Alaska, stupendo.
"Zuppetta di gamberi e calamaretti con salsa yogurt e nero veneziano", molto buono e freschissimi i gamberi rossi.
"Capri": piatto che ricorda una caprese, una sfoglia di latte che una volta rotta sprigionava profumi e sapori mediterranei: olive nere, acqua di pomodoro, acciughe del Cantabrico divine e basilico fritto.
"Encelado", un piatto favoloso. "Illusione": il piatto più particolare: un cuscino che sprigionava profumo di tartufo ma che il sapore della portata non aveva niente a che fare con il tubero.
Il "maialino da latte con falsi carciofi al cioccolato": tripudio di sapori.
"Rugiada": richiamo alle gocccioline di rugiada mattutina rappresentato da palline di basilico alla menta su foglie di grasso d'oca essicato adagiato su un emulsione verde di cui non ricordo la composizione e frutti di bosco. Divino per gli occhi e il palato.
"Miniera": omaggio ai minatori consistente in uno scrigno contenente una luce verde che ricorda l'elmetto protettivo dei lavoratori, una minestra di verdure, fagiano arrosto e pane, nero per le mani sporche di carbone dei minatori.Il mio preferito.
"Filetto di puledro in salmì con pane al miele" molto buono.
"Sfera": dolce composto da gelato al cocco, ghiaccio dolce, ispirato all'inverno. "Viaggio": gelato verde alla vaniglia con croccante di caramelle halls, comunque allusione ad un viaggio; un cannolo con sfoglia di cioccolato e panna, polvere di menta, delicatissimo e fresco.
Il tutto accompagnato da un satèn Contadi Castaldi 2004, ottimo a tutto pasto con poche bollicine e gradevole. Caffè e acqua con piccole praline.
Oaggio finale di una scatola con piccoli pasticcini, veramente chic!
Totale 125 euro a testa per una serata unica, un'esperienza indimenticabile accompagnata dall'ottima cordialità dello chef e del personale che ci ha coccolato per tutta la serata. Un'emozione senza fine!



Mappa

Anteprima

Via F.lli Kennedy, 12

24060 Chiuduno (BG)