Data recensione
02/11/2017
Cucina
9
Ambiente
8
Servizio
8

Interessante

Osteria Arborina recensito da

Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 79 €
Recensione
  • Condividi su

Conoscevamo già le capacità dello chef Ribaldone, per cui eravamo curiosi di provare questa nuova location molto accattivante, il locale è arredato in stile minimal, curato nei più piccoli dettagli come la lampada a luce soffusa presente su ogni tavolo. Peccato manchi un parcheggio privato all'interno del complesso. In sala il maitre, molto cordiale e professionale, spicca con i suoi baffi iper curati in perfetto stile hipster, è affiancato da due giovani e bravi camerieri.

Il menù si divide tra le proposte alla carta e due menù degustazione "Iconico" da cinque portate, che può essere accompagnato dal tartufo e "Ostico" da sei portate, più innovativo, proposti a sessentacinque e settantacinque euro.

I prezzi della carta: venti euro circa per antipasti e primi, trentadue per i secondi e quattordici per i dolci. Alla fine scegliamo due menù Iconici e ci vengono concesse due variazioni, cosa che apprezziamo molto dato che mia moglie non mangia il capriolo. Purtroppo Ribaldone non c'è, tutto è quindi nelle capaci mani del resident chef Umberto del Nobile.

Si inizia con un Amuse bouche di vari assaggi che vanno dal carpaccio di ricciola alla chip di pelle di zampa di pollo che abbiamo trovato interessante. Partiamo ora con gli antipasti, subito un piccolo incidente la carne cruda di fassona è accompagnata da una salsa alla nocciola e da nocciole di cui mia moglie è fortemente allergica, purtroppo non era segnalato nel menù, ma poco male il piatto è stato rifatto senza le nocciole; il piatto completo è comunque buonissimo ottima qualità della carne che ben si sposa con la nocciola, la crema all'aglio e la ricotta di capra, il secondo antipasto fonduta di alpeggio con uovo morbido è un perfetto equilibrio di gusti. Passando ai primi, buoni gli gnocchi al fumo e saporiti i tajarin al peperone bruciato accompagnati con ricotta affumicata, ma non all'altezza degli antipasti.

Dopo un disguido sull'ordinazione dei secondi, arriva la lingua al posto del maialino, tutto torna alla normalità, tra l'altro il piatto di lingua cotta a bassa temperatura e poi piastrata ci viene lasciato ma si rivela il piatto peggiore, troppo tenace e completamente priva di sapore, ma è solo un appunto.

Ottimi invece i due secondi il filetto di maiale iberico è cotto perfettamente rimanendo bello sugoso, commuovente il capriolo semplicemente perfetto anche nella purea di pastinaca di accompagnamento, sicuramente il piatto migliore del pranzo.

Buoni i dolci semi e radici che già conoscevamo e non male ma un po' banale, la crema di cachi con ricotta e castagne forse si poteva osare di più. Conto con acqua un bicchiere di barolo e due caffè centocinquantasette euro, onesto per quello che ci è stato proposto e per tipologia di ristorante. Esperienza nel complesso positiva che sicuramente rifaremo, spero di incontrare lo chef Ribaldone la prossima volta. Consigliato.

Foto della recensione


Mappa

Osteria Arborina

Frazione Annunziata, 27/A

12064 Annunziata (CN)