Data recensione
25/11/2018
Cucina
8
Ambiente
8
Servizio
8

All'insegna del tartufo

La Piola recensito da

Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 140 €
Recensione
  • Condividi su

Poesia... la qualità delle materie prime unita alla stanza nella quale veniamo gentilmente fatti sedere, fanno di questa esperienza un'esperienza memorabile.

Prima di tutto la location. La Piola è il ristorante un po' più alla buona, se per così si può dire, del più stellato Piazza Duomo.

Siamo nell'ultimo week end della fiera del tartufo, quindi Alba è ancora assediata da una miriade di gourmet erranti.

L'entrata del ristorante non è memorabile, un po' caotico, con i tavoli un po' vicini e noi che dobbiamo necessariamente passare accanto per raggiungere il nostro tavolo... che sorpresa sorpresa.... sarà al piano inferiore in una sala tutta per noi, nella quale svetta, oltre al nostro tavolo una parete di cantine frigo straboccanti di vini da tutto il mondo, estremamente preziosi, tutti ben catalogati in una carta di vini strepitosa, proprio del Piazza Duomo, ma dalla quale si può attingere anche dalla Piola.

Prima di tutto scegliamo il menu e molti di noi, praticamente tutti, siamo concordi con

- Tartare di Fassona piemontese

- Cocotte di uova e formaggio

- Tajarin

Ovviamente su tutti i piatti verrà grattugiato un tartufo da ben 108 grammi.

Accompagniamo questa prima parte con un ottimo Nebbiolo, Bernardina 2016. Rapporto qualità prezzo interessante.

Il primo piatto è la tartare. Ci arriva questa palla di carne e già da quando inizio a schiacciarla per condirla, mi accorgo della sua qualità. Gustosissima, morbidissima, saporita... e quindi non dobbiamo condirla troppo, giusto del sale e dell'olio e poi far parlare il tartufo bianco che offre completezza a questa carne straordinaria che poterebbe anche stare da sola.

Il secondo piatto è il tajarin che ci viene servito condito semplicemente su una crema di burro e formaggio e che verrà ovviamente coperto dal magico funghetto bianco. Tajarin stupendo, morbido e gustoso di suo, forse troppo, ma non ne verrà avanzato neanche un pezzo.

Nel frattempo il vino finisce e quindi scegliamo dalla carta maestra un fantasmagorico Barbaresco Pora Riserva 2013.

Nella cocotte di uovo e formaggio troviamo forse il luogo in cui il tartufo forse troverà la sua massima espressione. Gustoso, anzi delizioso, forse un po' troppo coprente il gusto del formaggio.

Visto che la giornata è stata perfetta, chiudiamo anche con il dolce. Per me un Gianduiotto. Buono, ma non strabiliante, ma si sa, per me i dolci non possono competere con il salato.

Il conto è di 860€ di cui però ben 459€ sono solo per il tartufo. Rimangono quindi quasi 60€ a testa per il resto che quindi alla fine non risulta neanche esagerato.

Al di la del tartufo, penso che La Piola sia un ristorante valido anche se non si è nella settimana del tartufo.

Foto della recensione


Mappa

La Piola

Piazza Risorgimento, 4

12051 Alba (CN)